Scatole di legno per una bimba

Anzi, due!

Quando Francesca ha visto i ripiani per allestire i banchetti ai matrimoni, mi ha chiesto: “Perchè non me ne fai due con incisi i nomi delle mie bimbe? e magari le chiudi con un coperchio?”

scatola legno pezzi

Ho già detto che adoro quando siete voi a spronarmi e ispirarmi!

Ho realizzato quindi un prototipo di scatoletta, per vedere bene come mettere le cerniere che avrebbero agganciato il coperchio.
E ho avuto un piccolo intoppo: lo spessore del compensato era inferiore alla lunghezza delle viti! Il mio prototipo aveva quindi degli allegri spuntoni fora-dita…

scatola legno viti

Ma sbagliando si impara! Aumentando un pochino lo spessore del compensato e procurandomi delle viti più corte, questo è stato il risultato.

Grazie al famoso “peso della cultura” ho incollato i vari pezzi tra loro, scartavetrato le imperfezioni, verniciato…. et voilà!

scatola legno peso

scatola legno finite

Annunci

Biglietti scritti a mano per una cresima

Auguri ad Andrea che ieri ha fatto la cresima!

Per questa occasione ho realizzato dei bigliettini da mettere come segnaposto, in carta pergamena e scritti a mano con pennini e inchiostro nero.

Intorno alla scritta ho disegnato una cornice che richiamasse il tema della festa, ovvero l’albero della vita.

Per essere sicura di scrivere dritto, ho tracciato delle sottili linee a matita che ho poi facilmente cancellato una volta asciugato l’inchiostro.

biglietti cresima 01

Infine, ho richiuso ogni pergamena con un nastrino, rosso anch’esso.

E’ stato un lavoro piuttosto lungo ma il risultato ha soddisfatto le aspettative!

biglietti cresima

 

Ripiani per un banchetto di nozze

La mia amica Barbara mi ha commissionato dei ripiani di legno per quando organizza il momento della “confettata” nei suoi matrimoni.
Aveva in mente cinque ripiani di diverse dimensioni, decorati in modo differente.
I due più piccoli dovevano avere delle stelle e dei cuori intagliati e delle scritte dipinte; i due medi dovevano avere le scritte “Love” e “Forever” sia intagliate che dipinte; infine la più grande doveva avere la scritta “Confetti Mon Amour” dipinta su uno dei lati.

Abbiamo buttato giù il progetto insieme, poi ho acquistato i legni e cominciato il lavoro.
Ho ritagliato i vari pezzi e intagliato le scritte prima di incollarli insieme.

Una volta assemblati tutti i ripiani ho scartavetrato al meglio i bordi affinchè non si notassero troppo gli incastri.

ripiani matrimonio 004

A questo punto, era ora di dipingere: e qui ho avuto delle difficoltà.
Io dipingo sempre i miei  lavori con colori acrilici, comodamente seduta alla mia scrivania, senza problemi. Ma questa volta avevo acquistato uno smalto per legno, e dopo qualche giorno che dipingevo alla mia postazione ho cominciato ad avere un fortissimo mal di gola. Per farvela breve, questo tipo di vernici va utilizzata possibilmente all’aperto, in ambienti ben ventilati, per brevi periodi e utilizzando delle protezioni, altrimenti irrita le vie aeree!
Ho dovuto prendere un antibiotico per guarire la mia gola, e ora che sono passate due settimane ancora ho dei fastidi.

Il risultato però mi ha molto soddisfatta! La vernice ha reso i ripiani lucidi e pronti per essere decorati con le scritte.

I ripiani sono poi impilabili per essere trasportati piuttosto agevolmente:

Ovviamente non vedo l’ora di vedere i miei ripiani all’opera!

Fuoriporta personalizzati

Mi ha scritto Michela chiedendomi di realizzare una targa fuoriporta, con appesi sotto dei cuori all’interno dei quali ci fossero i nomi dei componenti della sua famiglia.

Era un po’ indecisa sulla tecnica e sul colore, e ho pensato di realizzare un prototipo sia per mostrarle un esempio, sia perchè la sua idea mi era piaciuta molto.

Così è nata la mia targa fuoriporta:

targa fuoriporta mia

La pirografia le è piaciuta, ma ha ovviamente voluto personalizzare la targa: le piaceva l’albero che avevo realizzato per un quadretto di legno e avrebbe voluto una frase sulla famiglia.

home is where 04

Lei vede la famiglia come un albero: forti radici che ti sostengono e ali con le quali poter spiccare il volo.

Così è nato questo disegno: da ciascuno dei fori cui sono attaccati i cuori con incisi i loro nomi, partono delle radici che sostengono l’albero, e tra i rami dell’albero c’è un nido, dal quale un uccellino spicca un volo deciso, forte del sostegno del suo albero.
I corrispondenza dei nomi dei genitori c’è il disegno di un innaffiatoio, perchè è compito dei genitori nutrire l’albero, mentre in corrispondenza dei nomi dei figli ci sono due uccellini, come buon auspicio di un volo lungo e meraviglioso, alla scoperta delle meraviglie del mondo.

Adoro quando l’incontro tra la mia manualità e la vostra fantasia dà luogo a oggetti unici e speciali come questo!

Vassoio di legno personalizzato per la Maestra

Verso la fine dell’anno scolastico, mi scrive Barbara allegandomi l’immagine di un vassoio di legno: “Tu che lavori il legno, me ne potresti costruire uno e decorare? Lo vorrei fare come regalo di fine anno per la nostra maestra

Non avevo mai costruito un oggetto così grande, ma le ho detto “Perchè no! Faccio subito un prototipo“.

Ho ritagliato con il seghetto da traforo un rettangolo per la base, e quattro rettangoli più piccoli per i bordi. Poi ho ritagliato dei dentini sui lati in modo da poter incastrare i vari pezzi tra loro e incollarli.

vassoio maestra 011

Una volta assemblati tutti i pezzi, è venuto fuori un vassoietto che è piaciuto molto a Simona, che me lo ha chiesto per una coppia di amici irlandesi che inauguravano casa.

Soddisfatta del prototipo, ho realizzato i pezzi per fare il vassoio per la maestra.
Sarebbe dovuto essere più grande, con decori pirografati, una bella dedica per la maestra e i nomi di tutti i bambini cui lei aveva insegnato.

Ho quindi ritagliato i vari pezzi e cominciato a inciderli: ai lati, dove ci sono i fori per prendere il vassoio, invece dei cuori ho ritagliato delle farfalle, per rendere l’oggetto ancora più personalizzato e originale.

Poi abbiamo scelto il colore: Barbara non voleva che il vassoio restasse neutro ma preferiva una tinta più rossiccia. Dopo esserci accordate sul colore, ho proceduto con la pittura.

vassoio maestra 04

Ed ecco il risultato finale!

 

 

 

in caso di una nuova casa

Quando si cambia casa c’è sempre un po’ di smarrimento: cambia tutto intorno a noi, cambiano le stanze, la posizione degli oggetti, la strada che troviamo quando usciamo dalla porta.
Se poi cambiamo anche città cambieranno anche le persone che incontriamo, magari il dialetto o l’accento.

C’è una cosa che non cambierà, ed è la persona che troviamo nello specchio.
Su di lei possiamo sempre contare, ed è meglio averci un buon rapporto.
Forse un po’ sarà cambiata anche lei, perchè ogni passaggio della nostra vita lascia segni anche dentro di noi.

Cosa possiamo quindi chiamare “casa“?
Le pareti che ci circondano? Gli oggetti che riempiono le stanze? Oppure qualunque luogo ci sia il nostro cuore, il nostro amore, i nostri affetti?

Se allora conoscete qualcuno che sta affrontando un trasloco e volete fargli un regalo per la sua nuova casa, perchè non scegliere un quadretto di legno, pirografato?

home is where 04

Oppure, come Simona, scegliere un vassoio da personalizzare, di legno, dipinto con gli acrilici, sempre recante la scritta “Home is where your heart is

creazione oggetti di legno

e quando a inaugurare la nuova casa sono una coppia di innamorati?

quadretto casa è dove siamo io e te 3
Per loro abbiamo pensato a un quadretto a forma di casa con la dolce scritta “Casa è ovunque siamo insieme io e te

 

Come sempre, ogni oggetto è personalizzabile, incidendo sul retro una vostra dedica.