Scaldiamoci!

Sono arrivati  i giorni della merla e il freddo non manca… ecco perchè vi riproponiamo nel nostro negozio due paia di caldi scaldamani!

Per essere al caldo senza rinunciare a un tocco di eleganza.

Sono disponibili il paio blu con la stella bianca:

scaldamani-blu3

e quelli marrone con il fiore arancione:

scaldamani-marrone-arancione-01

Annunci

Quando ho imparato a lavorare a maglia

Ho imparato a lavorare a maglia da bambina: mi insegnò mia madre.

Imparai il dritto e il rovescio ma non mi appassionai a quel tipo di lavoro.

Mia madre invece era bravissima: quasi tutti i maglioni che ho posseduto finchè lei era in vita me li aveva confezionati lei. Cercavamo sulle riviste un modello che mi piacesse, mi prendeva le misure, sceglievo un colore e lei si metteva al lavoro.

Non avevo mai pensato di calcare le sue orme fino a un Natale di 3 anni fa: una mia carissima amica mi regalò dei gomitoli di lana dicendomi “Tua mamma faceva cose così carine..

Cominciai a cercare video su youtube per vedere come avviare le maglie e comprai un libro per studiare i punti e fare un po’ di pratica.

Furono giorni densi di emozione: mia mamma non c’era più da 5 anni e lavorare a maglia era un pochino come averla lì vicino a me.

Tirai fuori le sue riviste, i suoi filati, i suoi ferri e trovai alcuni progetti cominciati e non ultimati. Finirli è stato come un passaggio di testimone da madre a figlia.

lavoro a maglia

lavoro a maglia

Ora il lavoro a maglia è diventato per me un appuntamento periodico: ogni anno quando viene l’autunno e le temperature si abbassano, mi torna la voglia di sferruzzare, di manipolare la lana, di creare oggetti che trasmettano calore.

Francesca.

Letture creative, primo appuntamento

La terra continua a tremare, fortunatamente senza fare danni almeno qui da noi.
La preoccupazione ci accompagna costantemente, e tenerci impegnate aiuta a distrarre la mente.

Con questo post voglio inaugurare una nuova sezione del blog che si chiamerà Letture creative:

una serie di libri che mi è capitato di leggere e che riguardano la creatività in generale o tecniche in particolare.

La creatività è qualcosa che fa parte di noi e della nostra vita quotidiana: chiunque di noi la manifesta e la sperimenta in varie forme.
Non serve essere Picasso e creare indimenticabili opere d’arte: la creatività ha molte forme, a volte più semplici, a volte più eclatanti.

Quando fate un biglietto d’auguri a mano invece di comprarlo, quando fate il pane in casa, quando create un gioco con vostro figlio, quando inventate una storia, quando aggiustate o reinventate un oggetto invece di buttarlo… ecco tanti momenti in cui siete persone creative!

e allora andiamo alla scoperta di libri che ci accompagnino nella conoscenza e nell’approfondimento di questa meravigliosa magia che è la creatività!

Il primo libro di cui voglio parlarvi è LAVORARE A MAGLIA PER NEGATI, il manuale dedicato al lavoro a maglia della collana “for dummies“.
Adattissimo ai principianti, contiene sia indicazioni su come eseguire i vari tipi di maglia, sia esempi pratici da realizzare, semplici e utili.

20161103_095205

Io ad esempio ho seguito le istruzioni per gli scaldamani per fare questi:

scaldamani-bordeaux4

Ma le istruzioni di pagina 178 le ho un po’ modificate: mentre il libro prevede di lavorare con 12 maglie a rovescio, 12 al dritto e altre 12 a rovescio per poi cucire il guanto sul retro, io ho preferito lavorare con 6 maglie a rovescio-12 a dritto-18 a rovescio per il sinistro (18 a rovescio-12 a dritto-6 a rovescio per il destro).

Questa modifica mi ha consentito di cucire i poi sul lato interno del polso lasciando lo spazio dove infilare il pollice.

Infine ho eseguito le rifiniture sopra e sotto con un passaggio di maglia alta all’uncinetto e cucito delle perline arancioni nelle trecce.

Buona lettura e buon lavoro e… condividete le foto delle vostre creazioni!